martedì 28 agosto 2012

Tartacronaca Nr.4: a Milan-Summer Nightmare (Incubo di una notte a Milano d'estate): cosa si dice in giro

A Milano se ne se sentono tante, anche con questo caldo. Mi sono presa la briga di collezionare le più rappresentative, per offrirvi un rinfrescante momento di compassione verso chi ha passato agosto in questo infern...ehm in una bellissima città piena di musei a ingresso gratuito (libera citazione da TG sentito in un bar).
A rileggerle, mi viene il sospetto di essermele inventate, se considerate che a Mainland non c'è nessuno in questi giorni e quindi non capisco dove ne abbia raccolte così tante.

[Essendo una tartaruga non posso sorridere, altrimenti avrei apposto un simpatico smile :) per farvi capire che scherzo. Sapessi inventare così bene sarei altrove, a fare altro.]

"MILANESATE AL MANGO" a Milano gusto dell'estate 2012 (crescono in zona Zara):
Nella vetrina del forno-pasticceria
di Via Astesani, Milano-Affori
 "Quest'estate vanno i colori fluorescenti, soprattutto sulle scarpe da ginnastica. La gente per strada deve far caso alle scarpe, non a te come persona!"
(negoziante di catena di calzature sportive. Frase ripresa e condita da vari proseliti, spesso maschi, tra cui l'anonimo citato più avanti in questo post)

"Mi sta béne che si lavori anche a agosto, ma tutte a noi le vecchiette rompiballe?!"

(conducente tram ATM)

 "MincXXa! Sembra de stà 'n Burkina Faso!"
(passante, apparentemente non milanese ma interessato all'idioma locale, vista l'esclamazione d'esordio)

"Tengo un botto a come mi vesto e, siccome vivo nel mondo, quando sono in pubblico non m'importa solo di come sono vestito io. Ti faccio un esempio, con Gabo non ci esco più. Si veste male, non si cura! Ci immagini camminare a fianco, ma che impressione faremmo?!" Nessuno rispose.
(Se non s'abbina, non s'abbina. Inoppugnabile.
Ragazzo sui 15-17 anni, polo blu Ralph Lauren, pantaloni alla pescatora a righe sottili bianche e azzurre su scarpe da tennis color crema. Trasmette forza.)

"E' lei l'inserviente? (rispondo di no) Ah, ma c'è la porta rotta, come faccio a entrare? Capisce? (rispondo che capisco, ma non lavoro nel palazzo e devo aspettare una persona) Sì, ma se entro e la porta è rotta, poi come faccio a essere sicura di poter uscire, signorina?
(signora vittima del sole, in ufficio pubblico a Milano. La porta in oggetto era effettivamente rotta e non sono riuscita ad aiutarla ma ora so' dove posso trovarla la mattina dei giorni feriali, se voglio fare due chiacchiere. Il sabato e la domenica va' in Liguria dalla sorella)

"Un euro! Un euro, tutto a un euro! Forza, compraaate! (da una finestra reclamano silenzio) Forza signora, invece di rompere le balle scenda e compri qualcosa! Forza forza forza tutto a un Euroooo!"
(Signore coi baffi sotto casa. Due volte la settimana, una di sabato. Lo adoro.
D'inverno fà prezzi più alti, si parte da 5 euro)

Proprio sole-sole a Milano non eravamo, c'era anche lei.
Ma anche lei non ci ha parlato... ;)
"Non mi puoi abbinare un arancio fluo con un fucsia se poi non ti metti un accessorio che faccia fosforescenza al buio!" 
(vedi sopra) 

A PRESTO CON TRE POST SULLE TARTA-VACANZE, CHE PUBBLICHIAMO A SETTEMBRE. Tanto se si freddano meglio, ché fa ancora caldo.

Ps: post scritto ad agosto, ma già non è che mi leggano in tanti, figurati durante le ferie...

Nessun commento:

Posta un commento